MeteoFlash

Appassionati amanti della Meteorologia
 
IndiceIndice  PortalePortale  CHAT-FMCHAT-FM  FlashMeteoFlashMeteo  FAQFAQ  CercaCerca  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Condividi | 
 

 STANZA TEMPORALESCA...

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Stefano86

avatar

Messaggi : 95
Data d'iscrizione : 15.03.08
Età : 32
Località : Gorla Maggiore (VA) 300mt slm

MessaggioTitolo: STANZA TEMPORALESCA...   Dom Mar 16, 2008 8:52 pm

Stanza per parlare dei temporali che avvengono nelle nostre zone....potete oltre che commentare aggiungere le foto o video..
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
willy

avatar

Messaggi : 79
Data d'iscrizione : 16.03.08
Età : 32
Località : Bologna Villanova di castenaso

MessaggioTitolo: Re: STANZA TEMPORALESCA...   Mer Mar 19, 2008 9:28 pm

Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
willy

avatar

Messaggi : 79
Data d'iscrizione : 16.03.08
Età : 32
Località : Bologna Villanova di castenaso

MessaggioTitolo: Fulmini   Gio Mar 20, 2008 12:55 am

[left]Fulmini

Cosa sono i Fulmini

I fulmini sono delle scariche elettriche improvvise e violente che si verificano tra due nubi oppure tra una nube e la superficie terrestre a causa di differenze di potenziale molto elevate nell'ambito dell'atmosfera. Il fenomeno si manifesta con un effetto luminoso (lampo) ed uno sonoro (tuono) che non vengono percepiti simultaneamente dall'osservatore a causa delle diverse velocità di propagazione della luce (300.000 Km/s) e del suono (340 m/s). Il lampo viene visto pertanto quasi istantaneamente, mentre il tuono viene udito dopo un intervallo di tempo tanto più grande quanto più è distante il fulmine.
Normalmente un fulmine è composto da un ramo principale e da molti rami secondari, con il caratteristico aspetto a zig-zag, determinato dalla ricerca del percorso di minor resistenza elettrica. La lunghezza può raggiungere i 2-3 Km, con punte di 5 Km in Sud Africa; quando si verificano tra nubi, i percorsi possono anche raggiungere i 10-15 Km



Come nascono

Dalla fisica è noto che se si caricano elettricamente due corpi conduttori con cariche di segno opposto, non c'è passaggio di corrente elettrica se essi sono separati da un materiale isolante. Aumentando il numero delle cariche, l'intensità del campo elettrico aumenta proporzionalmente fino ad un certo limite, caratteristico di ogni isolante, oltre il quale il materiale cede istantaneamente con un passaggio violento di corrente fra i conduttori.La scarica produce la perforazione del materiale ed il valore limite del campo elettrico, oltre il quale si ha tale fenomeno, è noto come rigidità dielettrica. Nel caso dell'aria pulita e asciutta il valore del campo è di circa 30 KV/cm, che scende notevolmente, a valori inferiori a 3-4 KV/cm, in presenza di umidità, di pulviscolo atmosferico o di altre impurità.Il fulmine è l'equivalente atmosferico del fenomeno precedentemente descritto; in tal caso l'isolante è l'aria ed i due corpi conduttori sono la nube ed il suolo oppure due diverse nubi o due diverse parti di una stessa nube.E' ormai accertato che le grosse nubi temporalesche (cumulonembi) sono caricate positivamente nella parte più alta e negativamente in quella più bassa; esistono diverse teorie che cercano di giustificare tale situazione, una di esse, abbastanza attendibile, è che le separazioni delle cariche abbiano origine dalle collisioni fra i vari elementi di nube rappresentati dalle piccole gocce di acqua o dai piccoli cristallini di ghiaccio, formatisi in seguito alla condensazione o alla sublimazione del vapore acqueo. All'interno delle nubi temporalesche esistono forti correnti ascensionali e precipitazioni che innescano complessi procedimenti di crescita e di interazione dei vari elementi, determinando le collisioni sopracitate.



Si è ritenuto che le più piccole particelle tendano ad acquisire cariche negative, mentre le più grandi acquisiscano cariche positive. Queste particelle tendono a separarsi per effetto delle correnti ascensionali e della forza di gravità, fino a che la nube non assume lo stato elettrico precedentemente descritto (positivo in alto e negativo in basso). La suddetta separazione produce enormi differenze di potenziale sia all'interno della nube che fra la nube e la terra, che per induzione tende a caricarsi positivamente.

Le differenze di potenziale possono raggiungere le centinaia o migliaia di milioni di volt, causando il superamento della rigidità dielettrica dell'aria: in tale istante scocca il fulmine. Il meccanismo della scarica è tuttavia alquanto complesso e si manifesta in due tempi:

1.Inizialmente dalla nube scende verso il suolo una scarica debole ed invisibile composta da particelle cariche negativamente, essa è detta scarica pilota (o scarica guida o stepped leader) ed avanza verso il basso con una velocità relativamente piccola (circa 100 Km/s) e con percorsi successivi di breve lunghezza (circa 50 m). Lungo tale percorso a zig-zag si crea un'intensa ionizzazione che predispone alla seconda fase.

2.Quando la scarica pilota si avvicina al suolo, da quest'ultimo parte una scarica "di ritorno" diretta verso l'alto e composta da un flusso di cariche positive presenti sulla superficie terrestre. Quando le due scariche si incontrano, esse segnano nell'aria una specie di scia di congiunzione tra cielo e terra; lungo tale traccia risale verso la nube una fortissima corrente elettrica ad una velocità stimata in circa un terzo di quella della luce

La scarica di ritorno (return stroke) può durare tra qualche decina e qualche centinaia di microsecondi e libera una quantità enorme di energia di tipo termico, ottico (lampo), acustico (tuono) ed elettromagnetico

Il canale conduttore, creato dalla scarica guida, può ramificarsi in parecchie branche, lungo le quali si possono avere diverse scariche di ritorno giustificando così l'aspetto tutto ramificato del fulmine, simile alle radici di una pianta. Spesso lungo il canale conduttore, dopo la prima scarica, si può avere un'altra scarica guida verso il basso, che innesca un secondo fulmine. Questo può verificarsi più volte in uno o due secondi, causando l'effetto tremolante nella luce del lampo.




IL TUONO


Lungo lo stretto canale percorso dal fulmine, l'aria si riscalda, quasi istantaneamente, fino a 15.000 °C, determinando un'espansione esplosiva che ad una certa distanza si manifesta con un fragore noto come tuono. Se un fulmine cade ad una distanza relativamente breve, il tuono viene avvertito come un colpo secco; se cade lontano, il lampo è seguito da un rombo sordo e prolungato in quanto le onde sonore vengono rifratte dall'atmosfera e fatte rimbalzare da colline, montagne e altre conformazioni del terreno.Come si è già detto, la luce del lampo viene percepita istantaneamente, mentre il tuono viene udito dopo un intervallo di tempo più o meno lungo a secondo della distanza del fulmine. Tale distanza è pari a 340 metri moltiplicati per il suddetto intervallo in secondi.



BERSAGLI DI UN FULMINE

Un fulmine segue generalmente il percorso di minor resistenza elettrica tra la nuvola e il suolo, che non corrisponde tuttavia al percorso più breve dal punto di vista geometrico. Ogni cosa che si sopraeleva sul suolo, come alberi, camini, edifici alti, cime di monti e persino un individuo a piedi, accorciano quindi il percorso e possono diventare il bersaglio del fulmine: più l'oggetto è alto, più è vulnerabile.La scarica elettrica di un fulmine può anche trasmettersi attraverso corpi conduttori di elettricità, come tubi metallici, fili spinati, mazze da golf, grondaie e corsi d'acqua.Secondo un'antica credenza, un fulmine non può colpire due volte lo stesso punto; l'esperienza insegna che ciò non è vero, ad esempio, nel corso di un anno, l'Empire State Building è stato colpito 48 volte, e la cima di una montagna svizzera ben 100 volte!

Effetti e Danni provocati

La caduta di un fulmine può provocare sulle strutture colpite diversi effetti e precisamente:

Termici. L'energia sviluppata da un fulmine ha la capacità di fondere materiali metallici, provocare l'incendio di materiali combustibili o infiammabili, etc. L'altissima temperatura può sgretolare un albero, facendo evaporare la linfa e, a volte, riesce a fondere la sabbia, trasformandola in schegge di vetro.

·Meccanici. Le forti correnti elettriche indotte nelle strutture metalliche colpite causano forze attrattive, di natura elettrodinamica, tali da produrre deformazioni o rotture. Nel caso di linee elettriche, le forze attrattive possono produrre schiacciamento di cavi o contatti fra conduttori con conseguenti cortocircuiti.

·Chimici. Le forti scariche causano la formazione di ozono e di composti nitrici dovuti all'ossidazione dell'azoto. In quest'ultimo caso è come se nel suolo fossero iniettate gigantesche quantità di materie azotate

·Elettromagnetici. Le scariche sono accompagnate da forti emissioni di onde elettromagnetiche che producono disturbi nelle trasmissioni radio, in particolare nel campo delle onde lunghe e medie. Le sovratensioni indotte nelle linee elettriche e telefoniche possono causare danneggiamenti nelle apparecchiature collegate, in particolare di quelle elettroniche

Gli effetti su una persona colpita da un fulmine sono generalmente letali, a causa dell'arresto cardiaco e respiratorio, come in qualsiasi altro caso di folgorazione. Nei casi più gravi si possono avere carbonizzazione dei tessuti dove la corrente entra ed esce dal corpo. Tuttavia sono molti i casi di persone rimaste indenni o salvate in seguito ad un pronto intervento mediante massaggio cardiaco e respirazione bocca a bocca.


SICUREZZA E SOPRAVVIVENZA

Ogni temporale è preannunciato da tuoni e quindi conviene subito cercare un riparo adeguato tenendo presente che una casa è il posto più sicuro in particolare se nelle vicinanze iniziano a cadere fulmini. Anche in casa è opportuno tuttavia seguire alcuni accorgimenti e precisamente:

·Evitare di stare vicini a superfici e ad oggetti metallici; è pure opportuno non sostare accanto alle pareti o in stanze troppo piccole

Non accendere apparecchi elettrici; si ricorda che l'antenna televisiva, purché opportunamente messa a terra può funzionare da parafulmine.

Non tenere aperte le porte e le finestre.

All'aperto, in mancanza di zone riparate e sicure occorre osservare che alberi, tralicci, antenne, bandiere possono fungere da richiamo e quindi conviene rannicchiarsi su di un qualsiasi oggetto isolante, evitando di sdraiarsi per terra.In particolare sono molto pericolosi gli alberi, specie se isolati, vecchi e pieni di cavità. La corrente passa attraverso il tronco facendo evaporare all'istante la linfa e provocando l'esplosione del tronco; se quest'ultimo è liscio e bagnato le probabilità di danneggiamento sono molto minori.E' sconsigliabile rimanere in acqua durante un temporale, essendo essa un ottimo conduttore di elettricità. Un buon rifugio, al contrario, è l'automobile.


Tipi di Fulmine

Si possono fare diverse classificazioni a secondo di come avviene la scarica elettrica oppure a secondo del loro aspetto. Nel primo caso si hanno:

Scariche tra nube e terra, sono i veri e propri fulmini e sono i più pericolosi perché possono ovviamente colpire l'uomo e causare i maggiori danni. Non sono i più comuni ed il loro meccanismo è stato visto in precedenza.

Scariche interne alle nubi, il meccanismo è simile a quello precedente e provocano quasi unicamente lampi. Sono il tipo più comune

Scariche aeree, si producono fra due diverse nubi


A seconda del loro aspetto e delle loro caratteristiche, i meteorologi distinguono diversi tipi di fulmini, quelli più noti sono i seguenti.


1.Fulmini a razzo; sono una varietà di fulmine a linea in cui la scarica procedono tanto lentamente da creare l'impressione di un razzo che voli nel cielo (molto raro);

2.Fulmini Globulari; sono i più misteriosi essendo stati osservati sporadicamente ed essendo ancora sconosciute le cause fisiche. Essi si presentano come delle sfere luminose di vario diametro (da 2 cm ai 10 m) e colorate di rosso, arancione, giallo, bianco, e altri colori ancora. La loro durata può essere di diversi minuti. Possono essere statici o in rapido movimento a zig-zag, riuscendo persino a passare attraverso pareti, porte, finestre chiuse senza danneggiarle.


3.Fulmini a perla (o a collana), che appare suddiviso in segmenti ad intervalli più o meno regolari;

4.Fulmini superficiali; hanno l'aspetto di lingue di fuoco uscenti dall'orizzonte e sono prodotti da scariche elettriche non direttamente visibili dall'osservatore anche se può udirne il tuono. Possono verificarsi dentro una nube o dietro nubi più vicine, rendendole visibili anche a grandissima distanza. Quando il tuono non è più udibile (oltre i 15 Km) si parla di lampi di calore.

5.Fuochi di S. Elmo, sono scariche elettriche più o meno continue, di piccola o moderata intensità. Tali scariche provengono da oggetti elevati sulla superficie terrestre (parafulmini, alberi di nave, pennoni, etc) o da aeroplani in volo (eliche, estremità delle ali, etc)

Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
Sergio

avatar

Messaggi : 42
Data d'iscrizione : 15.03.08
Località : Milano

MessaggioTitolo: Re: STANZA TEMPORALESCA...   Gio Mar 20, 2008 1:11 pm

Bell'articolo willy! evviva

Ti metto questa news,visto che e' vicino a te magari ci fai un salto cherry


Corso per osservatori di fenomeni violenti e StormChaser: Info e Iscrizioni!

--------------------------------------------------------------------------------

Ecco qua signore e signori, con grandissima soddisfazione che Vi presento il Corso che per il terzo anno consecutivo andrà a formare veri e propri esperti cacciatori di Fenomeni Meteorologici Violenti!!

Il Corso riprende gli standard di Teolo del 2006 e Abano Terme 2007.

Il Corso viene realizzato da Associazione ONLUS Meteonetwork, Meteonetwork Romagna, Meteocenter, Thunderstorm Team, Thundestrorm.

La location e Faenza in un edificio del CNR che ospita anche la sede di Meteoromagna/Meteocenter, nelle giornate di Sabato 12 e Domenica 13 Aprile.

Vi sarà la possibilità di pernottamento in strutture limitrofe alla sede a prezzi favorevoli.

Il corso è aperto ad un massimo di 80 iscritti con un minimo fisiologico di una quarantina di iscrizioni; la quota di partecipazione è di 50 Euro in cui sono comprese: Coffe Break del Sabato mattina e Domenica mattina, pranzo a buffet del Sabato, Tesserino di Riconoscimento.

Non sono necessari particolari conoscenze di Meteorologia e/o Titoli di Studio, la formazione sarà dettagliata ma comprensibile a tutti, e alla fine del Corso tutti saranno in grado di riconoscere e valutare i Fenomeni Violenti nel campo della Meteorologia, per i più appassionati è sicuramente un occasione importantissima per affinare le proprie tecniche di osservazione del cielo e di Cacciatore di Temporali!

L'ordine degli interventi potrebbe subire qualche variazione a seconda della disponibilità dei Relatori.

Tutte le news verranno postate qua!

Per le iscrizioni scrivete pure a: randi@meteoromagna.com

study
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo http://flashmeteo.altervista.org/
Sergio

avatar

Messaggi : 42
Data d'iscrizione : 15.03.08
Località : Milano

MessaggioTitolo: Re: STANZA TEMPORALESCA...   Ven Mar 21, 2008 6:36 pm

Inserisco 2 siti bellissimi specializzati in ThunderStorm



link al sito THUNDERSTORMS

link al Sito dedicato all'analisi dei FENOMENI TEMPORALESCHI italiani.

fantoz
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo http://flashmeteo.altervista.org/
willy

avatar

Messaggi : 79
Data d'iscrizione : 16.03.08
Età : 32
Località : Bologna Villanova di castenaso

MessaggioTitolo: Re: STANZA TEMPORALESCA...   Ven Mar 21, 2008 11:24 pm

mio filmato amatoriale!
bel fulmine .
filmato modificato da shivio
grazie evviva

>> FULMINI E SAETTE A MALLORCA 2007 <<

..
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
willy

avatar

Messaggi : 79
Data d'iscrizione : 16.03.08
Età : 32
Località : Bologna Villanova di castenaso

MessaggioTitolo: Fulmini e sicurezza   Mer Mar 26, 2008 11:47 pm

Se si viene colpiti direttamente dal fulmine difficilmente si ha possibilità di sopravvivere basti guardare gli effetti che il fulmine ha sulle piante colpite. Il pericolo però sussiste anche quando il fulmine ci cade vicino. Infatti, contrariamente a quanto si crede la corrente del fulmine non entra direttamente nel terreno ma “galleggia” in superficie diminuendo la sua intensità mano a mano che ci si allontana dal punto di caduta.




E’ fondamentale quindi toccare il terreno in un solo punto per ridurre la corrente di passo ed è meglio camminare saltellando in modo da toccare il terreno sempre con un piede solo. I bovini e gli ovini, avendo le zampe anteriori molto distanti da quelle posteriori sono più facilmente vittime dei fulmini a causa della corrente di passo; la corrente di passo può essere sufficiente a provocare arresto respiratorio o cardiaco (più raro), bruciature della pelle e contrazioni involontarie dei muscoli che possono indurre dei bruschi movimenti incontrollati o addirittura provocare delle fratture alle ossa.

La corda utilizzate per le assicurazioni tra persone o al cavo della ferrata possono essere pericolose specie se bagnate.

Dove cadono i fulmini: I fulmini possono cadere ovunque. Quando il campo elettrico tra nube e suolo è sufficientemente intenso Anelli, collane, orecchini, braccialetti non attirano in modo particolare i fulmini ma possono eventualmente provocare bruciature: per questa ragione si ritiene che i monili attirino i fulmini.

Cos’è il tuono?

Il tuono altro non è che l’onda acustica generata dal repentino innalzamento di temperatura dovuto al fulmine. Si stima in circa 30000 °C la temperatura dell’aria attorno al fulmine, per cui se un fulmine ci cade vicino verremo probabilmente ustionati.

Si può prevedere con certezza?

No. Ma come sopra riportato esistono condizioni meteorologiche più o meno favorevoli allo sviluppo dei temporali. Bisogna quindi informarsi sulla situazione e previsioni meteo e se durante un escursione si osservano uno o più dei seguenti fenomeni lo sviluppo dei temporali è più probabile:

se il cielo tende a scurirsi

se già al primo mattino si formano delle nuvole molto sviluppate verticalmente

se la pressione cala

se persiste o aumenta la foschia

se è afoso in valle.

5 regole da seguire
(tratte da http://www.lightningsafety.com/)

Informazioni più dettagliate si possono trovare sul libro “il tempo in montagna” di Kappenberger e Kerkmann ed. Zanichelli, La fisica di Feynmann,

1. Avere sempre le idee chiare su cosa fare se si verificherà un temporale. Consultare le previsioni meteorologiche aggiornate. Appena vedete un fulmine o sentite un tuono mettete in atto il vostro piano d’emergenza. Seguire il vecchio motto trentino “se toneza avanti piover sta nel campo e non ti muover” è molto imprudente. Molto meglio seguire il motto americano “If you can see it – flee it; if you can hear it – clear it” se puoi vederlo (fulmine) sbrigati, se puoi sentirlo (tuono) fuggi. Infatti i lampi si vedono, specie di notte, anche a decine di chilometri di distanza mentre i tuoni si sentono fino a pochi chilometri.

2. Se vi trovate all’aperto…. Andate subito in macchina coi finestrini completamente chiusi o in un edificio con porte e finestre chiuse. Se ciò non è possibile allontanatevi rapidamente dalle cime e dalle creste della montagna e dagli alberi isolati. Evitate di stare negli spazi aperti, vicino ai tralicci e ai macchinari in generale. State accucciati coi piedi uniti. Se ci sono tralicci o cavi dell’alta tensione si dovrebbe stare più al sicuro sotto i cavi ma lontano dai tralicci, accucciati e con i piedi uniti. Il fulmine è attirato dai cavi e dai tralicci e dovrebbe scaricarsi a terra attraverso questi ultimi. Se siete in un bosco state accucciati con i piedi uniti ed il più possibile lontano dai tronchi degli alberi più alti ed evitate di stare sotto i rami bassi. Se state facendo il bagno in piscina o al lago uscite dall’acqua ed allontanatevi dalla riva. Se venite sorpresi e non riuscite a raggiungere alcun posto sicuro allontanatevi dai posti più pericolosi ed accucciatevi tenendo i piedi ben uniti. Non sdraiatevi, non sedetevi per terra, non appoggiatevi agli alberi, alle rocce ecc. Tappatevi le orecchie con le mani per evitare i danni ai timpani dei tuoni.Se avete trovato una grotta non state sull’imbocco ma più all’interno e assumete la posizione accucciata con i piedi uniti.



Evitate di stare vicino a dove potrebbe scorrere l’acqua: i torrenti si ingrossano rapidamente.
Non date le mani ai compagni e state distanziati di una decina di metri.




Liberatevi di piccozze, sci, ombrelli, ombrelloni ed ogni cosa appuntita di medie dimensioni specie se rivolta verso l’alto. Non state sotto tettoie o balconi.

3. Se vi trovate in casa… State lontano dalle porte e dalle finestre che devono essere comunque chiuse. Evitate il contatto e la vicinanza con oggetti metallici collegati all’esterno come impianto elettrico, tubi dell’acqua, radiatori, rubinetti e telefono. Non lavate i piatti, non fate la doccia, non lavatevi. Non usate il telefono fisso, toglietevi le cuffie, spegnete o meglio togliete la spina degli elettrodomestici, computer, televisioni etc. Chiudete porte e finestre. E’ pericoloso stare alla finestra o sulla soglia o sotto una tettoia ad osservare i temporali.




Se un fulmine cade sulla vostra casa tenderà a scaricarsi a terra passando sui muri esterni e se vi trovate sotto una tettoia o sulla soglia la vostra testa è molto vicina al muro ed il fulmine potrebbe preferire di scaricarsi a terra attraverso di voi.

4. Il pericolo si considera generalmente terminato 30 minuti dopo l’ultima osservazione di tuono o fulmine.

5. Le persone colpite dal fulmine non sono cariche elettricamente e quindi non si rischia nulla a soccorrerle. Chiamare subito i soccorsi ed effettuare se necessario il massaggio cardiaco e la respirazione bocca a bocca. Molto frequente in caso di fulminazione è il blocco respiratorio e più raro l’arresto cardiaco. L’80% delle vittime da fulminazione sopravvive. Se il soccorso è tempestivo si aumenta la probabilità di sopravvivenza.
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: STANZA TEMPORALESCA...   

Torna in alto Andare in basso
 
STANZA TEMPORALESCA...
Torna in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Come posso progettare la mia stanza con un programma gratuito?

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
MeteoFlash :: Meteorologia Generale :: Meteorologia-
Vai verso: